Agricoltura

Si stanno testando gli ultrastrasuoni per proteggere le colture dai danni degli animali selvatici in modo sostenibile.

E’ in corso un progetto innovativo per allontanare gli animali selvatici dai terreni coltivati, nel rispetto della loro vita e dell’ambiente, a coordinarlo Massimiliano Biagi, agronomo e direttore tecnico dell’azienda agricola Barone Ricasoli, che è responsabile del gruppo operativo ULTRAREP, ULTRAsound Animal REPeller.

0 Shares

Clara, sempre in prima linea. Dalla parte della scienza, del progresso e delle donne

“La maggior parte delle donne è orgogliosa di lavorare in agricoltura ma questo non si traduce mai in modo adeguato in soddisfazione. Il loro impegno costante in un settore che culturalmente si considera maschile rappresenta una sfida quotidiana… Penso che sia fondamentale sostenerle e aiutarle ad ottenere il successo che meritano, anche se ci vorranno decenni.” Questa l’opinione di Clara Serrano è Southern Europe Commercial Unit Leader di Corteva Agriscience,

0 Shares

Frutta, verdure e agenti patogeni: in Olanda parte un nuovo progetto di Ricerca

In tema di sicurezza alimentare dall’Università di Wageningen ci ricordano che anche frutta e verdura crude possono ospitare batteri pericolosi. Il ricercatore Leo van Overbeek sta studiando come gli agenti patogeni possono infestare le nostre colture, le nuove indagini daranno nuove linee guida che aiuteranno i coltivatori a prevenire il fenomeno. “In agricoltura accadono ancora molte cose che non comprendiamo”.

0 Shares

Conservazione della natura, cosa servirebbe per essere davvero efficaci. Le valutazioni di un team di ricercatori esperti di biodiversità

Troppo raramente le iniziative, le raccomandazioni o le strategie di conservazione della natura annunciate dai politici ottengono i risultati auspicati perché non portano le persone a cambiare realmente il loro comportamento quotidiano. L’analisi di un team di ricercatori mette in luce le criticità.

0 Shares

Biodiversità, il mondo vegetale è seriamente in pericolo secondo uno studio condotto in Svizzera

In un progetto a livello nazionale, oltre 400 botanici volontari hanno verificato sul campo la natura della presenza o, in molti casi, la scomparsa di popolazioni note di tutte le specie vegetali rare e minacciate in Svizzera e i ricercatori dell’Università di Berna e del Centro nazionale di dati e informazioni sulla flora svizzera hanno ora analizzato il set di dati. I risultati sono allarmanti.

0 Shares

Le relazioni misteriose di una pianta parassita con il suo ospite, il caso della Cuscuta Australis

Un team di ricercatori sta studiando la Cuscuta Australis e nell’ultimo studio si è occupato di come la pianta parassita controlla la formazione dei fiori. È emerso che il parassita, senza radici e senza foglie, origlia i segnali di fioritura delle sue piante ospiti per attivare il proprio meccanismo di fioritura. In tal modo, il parassita si assicura di poter crescere sul suo ospite abbastanza a lungo da produrre la quantità ottimale di semi.

0 Shares