Tutti

Economia circolare, insetti e nuovi business. La parola a Lara Maistrello

Quali sono i prerequisiti per allevare gli insetti e cosa si può ottenere dalla loro lavorazione ma soprattutto perché possono essere il punto di partenza per tanti progetti di vera economia circolare? Ne parla Lara Maistrello, entomologia, professore associato nel Dipartimento di Scienze della Vita all’Università di Reggio Emilia,

0 Shares

Nuova task force per la Sostenibilità, nasce la Wyss Academy for Nature

Conciliare la necessaria conservazione della natura con il sostentamento e il benessere dell’umanità grazie all’introduzione di soluzioni e modelli innovativi. Questa la sfida che vuole affrontare la Wyss Academy for Nature che vede coinvolti la Wyss Foundation, l’Università di Berna e il Cantone di Berna.

0 Shares

Quanti passeri solitari ci saranno?

La nostra vita e quello di tutte le altre creature dipendono da ecosistemi i cui equilibri sono delicati e costantemente minacciati. Uno studio israeliano ha analizzato com’è cambiata la presenza degli uccelli: le tradizionali specie autoctone si stanno riducendo e stanno prosperando specie aliene invasive.

0 Shares

Paris Culteurs, più verde e tanta nuova energia per la città

Ortaggi, frutta, ma anche zafferano, miele, birra, fiori. La città di Parigi oggi è costellata di tante nuove aree verdi che danno vita a prodotti locali e offrono nuove opportunità ai cittadini. È il grande progetto Paris Culteurs, che alla fine porterà anche alla creazione di 250 nuovi posti di lavoro.

0 Shares

Food & Beverage, un domani sempre più all’insegna della consapevolezza

Il consumatore sarà sempre più consapevole, sarà più attento alle sue esigenze specifiche e al suo benessere psicofisico, ma anche alla salute del pianeta. E premierà chi produce cibo in modo sostenibile e lo comunica con trasparenza. Questi alcuni aspetti chiave dell’analisi di Mintel sui consumi nell’area del Food and Beverage dei prossimi dieci anni.

0 Shares

La seta potrebbe rendere l’agricoltura più sostenibile

Un team di ricercatori, guidato dall’italiano Benedetto Marelli, professore di ingegneria civile e ambientale presso il MIT, ha messo a punto una soluzione per far crescere i semi delle piante in terreni degradati grazie a uno speciale rivestimento di seta. Una soluzione semplice e scalabile, che non richiede particolari attrezzature, e da tutti i punti di vista sostenibile.

0 Shares