News

Viti e ulivi, ai nastri di partenza il progetto europeo Novaterra

Il progetto Novaterra sarà una vera e propria task force per migliorare la gestione integrata dei parassiti negli uliveti e nei vigneti. Pratiche e soluzioni saranno disegnate in modo da poter essere personalizzate in funzione di molte variabili, in primo luogo le specifiche esigenze locali delle diverse regioni del Mediterraneo e le diverse capacità di investimento di agricoltori e produttori.

0 Shares

Nuove luci sul misterioso mondo dei microrganismi

È disponibile un nuovo prezioso database, che raccoglie i genomi di oltre 52 000 diversi batteri e archei, di cui oltre 12 500 precedentemente sconosciuti. Il database è il risultato del lavoro di più di 200 ricercatori che hanno raccolto e sequenziato il materiale di oltre 10 450 campioni ambientali provenienti da tutto il mondo.

0 Shares

Il valore del cibo, l’abc dimenticato, da trasmettere ai nostri ragazzi

Sono state diverse le iniziative condotte a livello europeo nel corso del progetto WeValueFood finanziato da EIT Food ma i risultati sono stati davvero univoci. I ragazzini molto spesso ignorano le origini, la natura e le diversità delle materie prime, ed anche tutta la storia che c’è dietro a ogni prodotto finale, ma sono curiosi e interessati e si appassionano.

0 Shares

Piante e parassiti, anche gli invisibili si ingegnano

A proposito della soia e dei suoi acerrimi nemici, un recente studio statunitense ha messo in luce i comportamenti del nematoide cistiforme, il microscopico parassita che devasta intere coltivazioni. Dai risultati emergono possibili tattiche per ottenere risultati a breve termine ma soprattutto nuove prospettive per comprendere meglio i meccanismi che regolano la vita delle piante e le loro misteriose relazioni con i parassiti.

0 Shares

L’ultima mossa strategica di Bühler per arrivare a una produzione alimentare più sostenibile

Il gruppo svizzero, infatti, ha siglato una partnership strategica con il DIL Deutsches Institut für Lebensmitteltechnik, l’istituto di ricerca specializzato nella scienza e nelle tecnologie. Tra gli obiettivi prioritari la creazione di proteine alternative in grado di ridurre gli impatti ambientali.

0 Shares

Con le biotecnologie, il grano può diventare a prova di ruggine

I ricercatori del CSIRO, l’agenzia scientifica nazionale australiana, hanno guidato un progetto internazionale per creare varietà di grano più resistenti alla ruggine e hanno raggiunto il loro obiettivo con una tecnica innovativa: sono riusciti a inserire insieme “impilati” cinque geni di resistenza alla malattia. Una vera conquista scientifica perché secondo i parametri tradizionalmente i geni di resistenza vengono inseriti individualmente.

0 Shares

Cambiamenti climatici, ancora più prezioso il ruolo degli impollinatori

Uno studio della Swedish University of Agricultural Sciences ha verificato i possibili effetti del riscaldamento globale sulle colture di fave. Dallo studio è emerso che le rese diminuiscono drasticamente con la siccità e con la comparsa di afidi, ma che, indipendentemente dal livello di stress, la presenza di bombi impollinatori invece contribuisce ad aumentare le rese.

0 Shares

Viaggi, e danni, insospettati delle microplastiche

La plastica nei nostri oceani si scompone in pezzi sempre più piccoli senza rompersi chimicamente e le microplastiche possono finire ovunque. Uno studio del Weizmann Institute of Science ha rilevato che una grande quantità di microplastiche è trascinata nell’atmosfera e trasportata dal vento anche in acque dell’oceano lontane e apparentemente limpide. Tali minuscoli frammenti, che possono rimanere nell’atmosfera per ore o giorni e quando atterrano danneggiano l’ambiente marino e la catena alimentare, con implicazioni evidenti anche per la salute umana.

0 Shares